SFERA DI MINESTRA DI SAN GIUSEPPE SU VELLUTATA MACCO DI FAVE E FINOCCHIETTI SELVATICI

Agrigento, Provincie, Ricette - 23 Aprile 2020

Chef Giuseppe Moscato

 INGREDIENTI

INGREDIENTI PER 6 PORZIONI:

g. 450  PASTA MISTA di grano duro siciliano

n. 2  CIPOLLE “Paglina” di Castrofilippo (AG)

n. 1  COSTA DI SEDANO 

n. 2  CAROTE DI ISPICA (RG)

n. 3  MAZZETTI DI FINOCCHIETTI SELVATICI 

g. 150  CECI di Leonforte (EN)

g. 150  LENTICCHIE di Leonforte (EN)

g. 150  FAGIOLI BORLOTTI di Leonforte (EN)

g. 500  FAVA LARGA SECCA di Leonforte (EN)

n. 1  BROCCOLETTO

n. 1  MAZZO DI BIETOLE

n. 1   MAZZO DI CAVOLO SICILIANO

OLIO EVO NOCELLARA DEL BELICE

SALE, PEPE, PEPERONCINO

PER LA PANATURA:

g. 100 FARINA TIPO 00 Maiorcone (CL)

cl. 20  ACQUA FREDDA

q.b.     PANGRATTATO 

OLIO DI SEMI PER LA FRITTURA

 INGREDIENTI

Numero Porzioni: 6

450 GR DI PASTA MISTA VARI FORMATI

2 CIPOLLE

1 COSTA DI SEDANO

2 CAROTE

3 MAZZETTI DI FINOCCHIETTI SELVATICI 

150 GR CECI

150 GR LENTICCHIE

150 GR FAGIOLI BORLOTTI

500 GR FAVE SECCHE

1 BROCCOLETTO

1 MAZZO DI BIETOLE

1 MAZZO DI CAVOLO SICILIANO

OLIO EVO

SALE

PEPE

PEPERONCINO

PER LA PANATURA:

100 GR DI FARINA TIPO 00

200 ML DI ACQUA FREDDA

PANGRATTATO Q.P.

OLIO DI SEMI PER LA FRITTURA

PROCEDIMENTO

La sera prima mettete in acqua i fagioli ed i ceci per ammollarli. Fate un trito di cipolla e carota e mettetelo in un tegame assieme al sedano tagliato a pezzetti piccoli. Aggiungete anche i fagioli, coprite d’acqua e fate cuocere a fiamma bassa. Dopo 30 minuti aggiungete i ceci e cuocete per almeno 1 ora. Pulite il finocchietto eliminando le parti più coriacee, lavatelo, tagliuzzatelo e aggiungetelo, assieme alle lenticchie, alla zuppa di ceci e fagioli. Nel frattempo in una pentola a parte lessate il broccoletto, cavolo siciliano e le bietole in acqua salata. Appena cotte tagliuzzateli e uniteli agli altri ingredienti. In una pentola a parte mettere un trito di carote sedano e cipolla  ed olio evo farli rosolare Aggiungete le fave e finocchetti selvatici, coprite d’acqua e fate cuocere a fiamma bassa condire con olio e pepe nero   Quando le fave saranno cotte e già piuttosto sfatte, schiacciarle con un cucchiaio di legno, mescolando: si otterrà in tal modo una sorta di purè denso e cremoso. A me piace lasciarlo così, ma se si volesse ottenere una crema più fine basta usare brevemente il frullatore ad immersione.  E’ ora il momento di cuocere la pasta mista. Se occorre integrate la minestra con altra acqua e portate a cottura fino che si asciuga tutta  l’acqua. Una volta che la minestra si sarà raffreddato completamente (ci vorranno almeno un paio di ore), potrete formare le sfere, per aiutarvi nella formazione tenete vicino una ciotola colma di acqua così da potervi inumidirvi le mani. Prelevate un paio di cucchiai di minestra per volta con la mano formate le sfere  Ora che avete tutti le sfere pronti, preparate la pastella: in una ciotola versate la farina setacciata, un pizzico di sale e l’acqua filo. Mescolate accuratamente con una frusta per evitare che si formino grumi. Quindi tuffate le sfere , uno ad uno, nella pastella avendo cura di ricoprirli interamente e rotolateli nel pangrattato.In un pentolino scaldate l’olio e portatelo alla temperatura di 170°, a quel punto friggete  le sfere arancino alla volta o massimo due per non abbassare la temperatura dell’olio: quando saranno ben dorati potrete scolarli ponendoli su un vassoio foderato con carta assorbente.  Prendere il piatto , versarci il macco caldo e appoggiarci le sfere di minestra decorare a piacimento. E’ un piatto totalmente vegetariano a base di verdure e legumi di stagione come fagioli, ceci, lenticchie, finocchietto selvatico, bietole, etc.

Condividi!